Sicily News - Newsmagazine Siciliano
cerca in:
 

    NEWS DALLA SICILIA

       · Cronaca (213)
       · Cultura (203)
       · Economia (15)
       · Elezioni (34)
       · Feste e Sagre (116)
       · Gastronomia (70)
       · Internet (19)
       · Lavoro (10)
       · Movida Siciliana (100)
       · Musica (1)
       · Politica (4)
       · Racconti Siciliani (5)
       · Scienza (2)
       · Spettacolo (100)
       · Sport (21)
       · Tecnologie (6)
       · Turismo (117)


    EVENTI IN SICILIA

       · Arte (0)
       · Cinema (0)
       · Concorsi Fotografici (0)
       · Cultura (0)
       · Danza (0)
       · Eventi Fotografici (0)
       · Feste e Sagre (0)
       · Fiere (0)
       · Gastronomia (0)
       · Meeting e Congressi (0)
       · Mostre Fotografiche (0)
       · Movida Siciliana (0)
       · Musica (0)
       · Sport (0)
       · Teatro e Cabaret (0)


    PROGRAMMAZIONE CINEMA
    DELLA PROVINCIA DI:

       · Agrigento
       · Caltanissetta
       · Catania
       · Enna
       · Messina
       · Palermo
       · Ragusa
       · Siracusa
       · Trapani

Home Page - Sicily News - Newsmagazine SicilianoNewsEventiCinemaLe news più letteAggiungi un articolo o una news
[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

SICILIA: IL DOPPIO GIOCO


Soprattutto, nella provincia di Agrigento, che nel suo emblema si fregia di tre nobili “giganti”,  ultima in tutte le statistiche economiche e del vivere civile e prima nelle attenzioni dei nuovi potenti che la vorrebbero trasformare in un enorme deposito di energie inquietanti e in una sorta di cloaca colossale. Alla faccia dei Templi dorici e del luminoso silenzio del suo placido mare!



Una volta qui c’erano i Lestrigoni, una crudele razza di giganti che costruivano le grandi civiltà rupestri, ora ci sono i lestofanti, giganti di carta, generati dal caos attuale della politica che lavorano per imbrigliare il “progresso” dentro una rete d’infrastrutture che nessuno vuole dove servirebbero.


 


Vediamo alcune. A Porto Empedocle, sotto i templi e la casa natale di Luigi Pirandello, sorgerà un rigassificatore, mentre a Palma Montechiaro, patria del Gattopardo, il governo Berlusconi pare vorrebbe ubicare una delle nuove centrali nucleari.


 


Tutto ciò, mentre fioriscono, in gran quantità, le “pale eoliche”, dovunque e nel più grave disordine, specie sui pizzi più belli dei monti Sicani e stanno arrivando nuove trivellazioni in mare alla ricerca d’idrocarburi da parte di società improvvisate e dotati di capitali sociali modestissimi che hanno ottenuto permessi di ricerca in più punti della costa agrigentina.


 


Per realizzare i loro progetti, le grandi e le piccole società, oltre alle necessarie autorizzazioni amministrative, puntano ad acquisire il consenso delle popolazioni anche mediante pesanti interferenze nella vita politica municipale.     


 


Il governo Cuffaro voleva imporre un termovalorizzatore di rifiuti a Casteltermini, la cui realizzazione è stata bloccata dalle proteste popolari e da una sentenza di un tribunale europeo. 


 


Si è brindato allo scampato pericolo, al nuovo piano energetico della giunta Lombardo.


 


Troppo presto per cantare vittoria: oggi, ministri e governatore riparlano d’inceneritori, mentre si annunciano richieste di risarcimenti stratosferici a carico della regione da parte delle società “danneggiate” dalla sentenza che ha annullato l’irregolare appalto.


 


Si riapre, dunque, il capitolo termovalorizzatori. Tanto che i sindaci di Campobello di Licata e di Licata si sono precipitati a chiederne uno nei loro territori da mettere al servizio dell’Ato Ag3.


 


A proposito, che fine ha fatto la riforma degli Ato-rifiuti? Cosa si sta facendo per ridurli a dieci? Credo non molto, giacché sono tutti e ventisette in salute e continuano a produrre debiti sopra debiti, disservizi e cataste di rifiuti ormai intrattabili.


 


In questo bailamme, al quale si vanno ad aggiungere i duri colpi della manovra varata dal governo Berlusconi, fiorisce anche la fantasia del ceto politico siciliano che non sa più cosa inventarsi per far proseguire una legislatura in evidente affanno.


 


Ecco, allora, un buon diversivo per far passare l’estate: proporre bizzarre formule di governo per superare l’attuale che mal si regge su una gamba sola.


 


Ovviamente, vi sono altri obiettivi inconfessabili, primo fra tutti quello d’oltrepassare il solstizio d’estate che porterà l’Ars verso l’equinozio d’autunno quando “il Sole incontra l’equatore celeste” ovvero i due anni e mezzo della legislatura. 


 


L’offerta è varia: dal “governo con chi ci sta”, formula poco fortunata visto che, oggi, a starci ufficialmente è solo una minoranza, al governo istituzionale (tutti i partiti dentro) proposto dall’Udc, stremata dalla lunga astinenza assessoriale, a quello dei tecnici ossia una compagine di tutti i partiti che governerebbero per interposta persona: il tecnico, per l’appunto.   


 


E che governo sarebbe? Una versione balneare rispetto all’attuale o un nuovo prodotto del laboratorio politico siciliano: il passaggio dalla partitocrazia alla tecnocrazia?


 


Niente paura. I tecnici sarebbero solo un paravento, un espediente per consentire a chi li ha nominati di continuare a governare con meno imbarazzo. Tanto, in caso d’insuccesso, si potrà  addossare loro il fallimento e quindi agevolmente scaricarli.


 


E la giostra riprenderà a girare con gli abituali avventori.


 


Insomma, tutto può accadere, tranne che i partiti si assumano le loro responsabilità sulla base di una corretta dialettica democratica fra maggioranza e opposizione così come indicato dagli elettori.


 


Se queste condizioni non ci sono, diventa un’insopportabile sofferenza il volere prolungare l’agonia di questa legislatura.


 


Di fronte all’alta criticità della situazione siciliana, governo e forze che lo sostengono (o che lo avversano) annaspano, non sanno che fare.


 


Invece di proporre soluzioni, si organizza la propaganda per deviare il malcontento sociale contro nemici veri o inventati.


 


Oggi la moda è di prendersela col governo amico di Silvio Berlusconi che boicotta la Sicilia. Vediamo assessori ed esponenti berlusconiani della prima ora salire, in compagnia di vecchi amici del MpA, sulle barricate a incitare le masse alla rivolta contro il Cavaliere e i suoi ministri.


 


Quasi volessero rubare il mestiere a quelli dell’opposizione.


 


I motivi della protesta sono, in gran parte, reali. Anzi alla lista se ne potrebbero aggiungere altri. 


 


Sono i protestatori che non convincono giacché protestano contro un governo di cui fanno parte. Questo si chiama doppio gioco, propaganda ingannevole che alimenta un grande equivoco che presto bisognerebbe chiarire: se Berlusconi non è più amico della Sicilia, allora, da buoni siciliani, devono dimettersi da quel governo e passare all’opposizione. Non ci sono vie di mezzo.


 


Invece, questi civettano a destra e a sinistra, il traccheggio continua con Berlusconi e i suoi colonnelli impegnati a riportare all’ovile “le pecorelle smarrite” e Lombardo alla collaborazione col PdL, com’era nei patti originari.


 


Se questo è lo scenario, nessuno capisce la posizione pericolosamente indefinita del Pd che resta appesa a un filo troppo esile per resistere alla imprevedibilità degli avvenimenti politici e d’altra natura.


 


Per sapere dove il PD debba collocarsi alla regione credo non ci sia bisogno di un referendum giacché gli stessi elettori del PD l’hanno indicato col voto del 2008.


 


Qualche dirigente può cambiare idea, ma non la maggioranza del corpo elettorale.


                          


Agostino Spataro


Pubblicato, con altro titolo e con testo più ridotto, in La Repubblica del 30/5/10, nella provincia di Agrigento, che nel suo emblema si fregia di tre nobili “giganti”,   ultima in tutte le statistiche economiche e del vivere civile e prima nelle attenzioni dei nuovi potenti che la vorrebbero trasformare in un enorme deposito di energie inquietanti e in una sorta di cloaca colossale. Alla faccia dei Templi dorici e del luminoso silenzio del suo placido mare!


 


Una volta qui c’erano i Lestrigoni, una crudele razza di giganti che costruivano le grandi civiltà rupestri, ora ci sono i lestofanti, giganti di carta, generati dal caos attuale della politica che lavorano per imbrigliare il “progresso” dentro una rete d’infrastrutture che nessuno vuole dove servirebbero.


 


Vediamo alcune. A Porto Empedocle, sotto i templi e la casa natale di Luigi Pirandello, sorgerà un rigassificatore, mentre a Palma Montechiaro, patria del Gattopardo, il governo


 


Berlusconi pare vorrebbe ubicare una delle nuove centrali nucleari.


 


Tutto ciò, mentre fioriscono, in gran quantità, le “pale eoliche”, dovunque e nel più grave disordine, specie sui pizzi più belli dei monti Sicani e stanno arrivando nuove trivellazioni in mare alla ricerca d’idrocarburi da parte di società improvvisate e dotati di capitali sociali modestissimi che hanno ottenuto permessi di ricerca in più punti della costa agrigentina.


 


Per realizzare i loro progetti, le grandi e le piccole società, oltre alle necessarie autorizzazioni amministrative, puntano ad acquisire il consenso delle popolazioni anche mediante pesanti interferenze nella vita politica municipale.     


 


Il governo Cuffaro voleva imporre un termovalorizzatore di rifiuti a Casteltermini, la cui realizzazione è stata bloccata dalle proteste popolari e da una sentenza di un tribunale europeo. 


 


Si è brindato allo scampato pericolo, al nuovo piano energetico della giunta Lombardo.


 


Troppo presto per cantare vittoria: oggi, ministri e governatore riparlano d’inceneritori, mentre si annunciano richieste di risarcimenti stratosferici a carico della regione da parte delle società “danneggiate” dalla sentenza che ha annullato l’irregolare appalto.


 


Si riapre, dunque, il capitolo termovalorizzatori. Tanto che i sindaci di Campobello di Licata e di Licata si sono precipitati a chiederne uno nei loro territori da mettere al servizio dell’Ato Ag3.


 


A proposito, che fine ha fatto la riforma degli Ato- rifiuti? Cosa si sta facendo per ridurli a dieci? Credo non molto, giacché sono tutti e ventisette in salute e continuano a produrre debiti sopra debiti, disservizi e cataste di rifiuti ormai intrattabili.


 


In questo bailamme, al quale si vanno ad aggiungere i duri colpi della manovra varata dal governo Berlusconi, fiorisce anche la fantasia del ceto politico siciliano che non sa più cosa inventarsi per far proseguire una legislatura in evidente affanno.


 


Ecco, allora, un buon diversivo per far passare l’estate: proporre bizzarre formule di governo per superare l’attuale che mal si regge su una gamba sola.


 


Ovviamente, vi sono altri obiettivi inconfessabili, primo fra tutti quello d’oltrepassare il solstizio d’estate che porterà l’Ars verso l’equinozio d’autunno quando “il Sole incontra l’equatore celeste” ovvero i due anni e mezzo della legislatura. 


 


L’offerta è varia: dal “governo con chi ci sta”, formula poco fortunata visto che, oggi, a starci ufficialmente è solo una minoranza, al governo istituzionale (tutti i partiti dentro) proposto dall’Udc, stremata dalla lunga astinenza assessoriale, a quello dei tecnici ossia una compagine di tutti i partiti che governerebbero per interposta persona: il tecnico, per l’appunto.   


 


E che governo sarebbe? Una versione balneare rispetto all’attuale o un nuovo prodotto del laboratorio politico siciliano: il passaggio dalla partitocrazia alla tecnocrazia?


 


Niente paura. I tecnici sarebbero solo un paravento, un espediente per consentire a chi li ha nominati di continuare a governare con meno imbarazzo. Tanto, in caso d’insuccesso, si potrà  addossare loro il fallimento e quindi agevolmente scaricarli.


 


E la giostra riprenderà a girare con gli abituali avventori.


 


Insomma, tutto può accadere, tranne che i partiti si assumano le loro responsabilità sulla base di una corretta dialettica democratica fra maggioranza e opposizione così come indicato dagli elettori.


 


Se queste condizioni non ci sono, diventa un’insopportabile sofferenza il volere prolungare l’agonia di questa legislatura.


 


Di fronte all’alta criticità della situazione siciliana, governo e forze che lo sostengono (o che lo avversano) annaspano, non sanno che fare.


 


Invece di proporre soluzioni, si organizza la propaganda per deviare il malcontento sociale contro nemici veri o inventati.


 


Oggi la moda è di prendersela col governo amico di Silvio Berlusconi che boicotta la Sicilia. Vediamo assessori ed esponenti berlusconiani della prima ora salire, in compagnia di vecchi amici del MpA, sulle barricate a incitare le masse alla rivolta contro il Cavaliere e i suoi ministri.


 


Quasi volessero rubare il mestiere a quelli dell’opposizione.


 


I motivi della protesta sono, in gran parte, reali. Anzi alla lista se ne potrebbero aggiungere altri. 


 


Sono i protestatori che non convincono giacché protestano contro un governo di cui fanno parte. Questo si chiama doppio gioco, propaganda ingannevole che alimenta un grande equivoco che presto bisognerebbe chiarire: se Berlusconi non è più amico della Sicilia, allora, da buoni siciliani, devono dimettersi da quel governo e passare all’opposizione. Non ci sono vie di mezzo.


 


Invece, questi civettano a destra e a sinistra, il traccheggio continua con Berlusconi e i suoi colonnelli impegnati a riportare all’ovile “le pecorelle smarrite” e Lombardo alla collaborazione col PdL, com’era nei patti originari.


 


Se questo è lo scenario, nessuno capisce la posizione pericolosamente indefinita del Pd che resta appesa a un filo troppo esile per resistere alla imprevedibilità degli avvenimenti politici e d’altra natura.


 


Per sapere dove il PD debba collocarsi alla regione credo non ci sia bisogno di un referendum giacché gli stessi elettori del PD l’hanno indicato col voto del 2008.


 


Qualche dirigente può cambiare idea, ma non la maggioranza del corpo elettorale.


                          


Agostino Spataro


 


Pubblicato, con altro titolo e con testo più ridotto, in La Repubblica del 30/5/10Soprattutto, nella provincia di Agrigento, che nel suo emblema si fregia di tre nobili “giganti”,   ultima in tutte le statistiche economiche e del vivere civile e prima nelle attenzioni dei nuovi potenti che la vorrebbero trasformare in un enorme deposito di energie inquietanti e in una sorta di cloaca colossale. Alla faccia dei Templi dorici e del luminoso silenzio del suo placido mare!


 


Una volta qui c’erano i Lestrigoni, una crudele razza di giganti che costruivano le grandi civiltà rupestri, ora ci sono i lestofanti, giganti di carta, generati dal caos attuale della politica che lavorano per imbrigliare il “progresso” dentro una rete d’infrastrutture che nessuno vuole dove servirebbero.


 


Vediamo alcune. A Porto Empedocle, sotto i templi e la casa natale di Luigi Pirandello, sorgerà un rigassificatore, mentre a Palma Montechiaro, patria del Gattopardo, il governo


 


Berlusconi pare vorrebbe ubicare una delle nuove centrali nucleari.


 


Tutto ciò, mentre fioriscono, in gran quantità, le “pale eoliche”, dovunque e nel più grave disordine, specie sui pizzi più belli dei monti Sicani e stanno arrivando nuove trivellazioni in mare alla ricerca d’idrocarburi da parte di società improvvisate e dotati di capitali sociali modestissimi che hanno ottenuto permessi di ricerca in più punti della costa agrigentina.


 


Per realizzare i loro progetti, le grandi e le piccole società, oltre alle necessarie autorizzazioni amministrative, puntano ad acquisire il consenso delle popolazioni anche mediante pesanti interferenze nella vita politica municipale.     


 


Il governo Cuffaro voleva imporre un termovalorizzatore di rifiuti a Casteltermini, la cui realizzazione è stata bloccata dalle proteste popolari e da una sentenza di un tribunale europeo. 


 


Si è brindato allo scampato pericolo, al nuovo piano energetico della giunta Lombardo.


 


Troppo presto per cantare vittoria: oggi, ministri e governatore riparlano d’inceneritori, mentre si annunciano richieste di risarcimenti stratosferici a carico della regione da parte delle società “danneggiate” dalla sentenza che ha annullato l’irregolare appalto.


 


Si riapre, dunque, il capitolo termovalorizzatori. Tanto che i sindaci di Campobello di Licata e di Licata si sono precipitati a chiederne uno nei loro territori da mettere al servizio dell’Ato Ag3.


 


A proposito, che fine ha fatto la riforma degli Ato- rifiuti? Cosa si sta facendo per ridurli a dieci? Credo non molto, giacché sono tutti e ventisette in salute e continuano a produrre debiti sopra debiti, disservizi e cataste di rifiuti ormai intrattabili.


 


In questo bailamme, al quale si vanno ad aggiungere i duri colpi della manovra varata dal governo Berlusconi, fiorisce anche la fantasia del ceto politico siciliano che non sa più cosa inventarsi per far proseguire una legislatura in evidente affanno.


 


Ecco, allora, un buon<

vai al sito web dell'evento

News inserita il 31/05/2010 da Associaz.cult. teatrale LEDIMIGI
nella categoria Politica
Sei il lettore numero 9452 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

Cronaca | Cultura | Economia | Elezioni | Feste e Sagre | Gastronomia | Internet | Lavoro | Movida Siciliana | Musica | Politica | Racconti Siciliani | Scienza | Spettacolo | Sport | Tecnologie | Turismo |



Le Ultime News

SPECIALE CAPODANNO 2013: TUTTI GLI EVENTI DELLA NOTTE DI CAPODANNO, CON CENONE, DISCOTECA, PERNOTTAMENTO, LE FESTE TRA CATANIA, SIRACUSA, TAORMINA...

SPECIALE PONTE DEL PRIMO MAGGIO 2012 NEI VILLAGGI TURISTICI DI SICILIA: RELAX, BENESSERE, E DIVERTIMENTO, EVENTI GIOVANILI CON ANIMAZIONI, SPORT, E SERATE IN DISCOTECA.

SPECIALE CAPODANNO 2012: COSA FARE LA NOTTE DI CAPODANNO? ECCOVI TUTTI I CENONI CON VEGLIONE DOPOCENA, E DISCOTECA FINO ALL'ALBA, LE FESTE TRA CATANIA, SIRACUSA, TAORMINA...

SPECIALE VACANZE E PONTI DI PRIMAVERA (25 Aprile - 1 Maggio - 2 Giugno) NEI VILLAGGI TURISTICI DI SICILIA, TUTTI GLI EVENTI CON FORTE TRAINO GIOVANILE

SPECIALE 8 MARZO 2011: FESTA DELLA DONNA & CHIUSURA CARNEVALE, TUTTO IN UNA NOTTE. GLI EVENTI CON CENA, STREEPTEASE MASCHILE, E DISCO PARTY DI CARNEVALE DOPO LA MEZZANOTTE.

BORGES, VIAGGIO NELLA SICILIA DEL MITO

Inaugurazione della mostra di Elide Triolo Il primo gradino

SPECIALE NOTTE DI FERRAGOSTO 2010, TUTTI GLI EVENTI IN SPIAGGIA O A BORDO PISCINA DA VIVERE IN COMPAGNIA, TRA CATANIA E TAORMINA

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI TANGO DELLA SICILIA - dal 10 al 16 agosto

Turismo - La Sicilia protesta

   
Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.

Note legali, Cookie Policy e Privacy - 01194800882 - Realizzazione: Studio Scivoletto